X
economia
società
sostenibilità
vita aziendale
chi siamo
contattaci
Cerca:
Cerca:

Waste pickers: i raccoglitori di rifiuti nel mondo

Mercoledì 20 Febbraio 2019
Giulia Giarola

Milioni di persone in tutto il mondo si guadagnano da vivere raccogliendo, smistando, riciclando e vendendo materiali che qualcun altro ha gettato via. Sono i cosiddetti waste pickers. Il termine è stato adottato nel corso della prima conferenza mondiale dei raccoglitori di rifiuti a Bogotà nel 2008, per facilitare la comunicazione globale e soppiantare termini dispregiativi come “spazzino”. Il riconoscimento sociale dei waste pickers è in forte crescita perché contribuiscono all'economia locale, alla salute e alla sicurezza pubblica e alla sostenibilità ambientale. Ma spesso hanno uno status sociale basso, condizioni di vita e di lavoro deplorevoli e ricevono scarso supporto dai governi locali. Andiamo a conoscere e ad analizzare nello specifico chi sono i raccoglitori di rifiuti.

wastepickers

Origini e terminologie dei waste pickers


Un raccoglitore di rifiuti è una persona che recupera materiali riutilizzabili o riciclabili buttati via da altri per la vendita o per il consumo personale. Ci sono milioni di waste pickers in tutto il mondo, prevalentemente nei paesi in via di sviluppo, ma sempre più anche in quelli postindustriali.

Le forme di raccolta dei rifiuti sono state praticate fin dall'antichità, ma le moderne tradizioni hanno messo radici durante l'industrializzazione nel XIX secolo. Nell'ultimo mezzo secolo la raccolta differenziata si è espansa enormemente nel mondo in via di sviluppo a causa dell'urbanizzazione, del colonialismo e del commercio mondiale dei rifiuti, favorendo l’espansione di una nuova categoria di lavoratori con una sola cosa in comune: il sostentamento di se stessi e delle loro famiglie.

I waste pickers possono raccogliere da cestini per rifiuti privati o cassonetti, lungo strade e corsi d'acqua o nelle discariche. Alcuni lavorano nel riciclaggio di magazzini o impianti di riciclaggio di proprietà delle loro cooperative o associazioni. Altri raccolgono i rifiuti per venderli a intermediari e imprese. Le situazioni di lavoro variano notevolmente da un paese all'altro, ma esistono delle categorie di base.

Molti termini vengono usati per riferirsi a persone che recuperano i rifiuti riciclabili. In inglese includono: rag picker, reclaimer, informal resource recoverer, binner, recycler, poacher, salvager, scavenger; in spagnolo: cartonero, chatarrero, pepenador, clasificador, minador e reciclador; e in portoghese catador de materiais recicláveis. Un termine più contemporaneo, invece, incentrato sull'esito dell'attività professionale è: informal sector recycling. Tuttavia, la parola "informale" può essere in parte fuorviante, perché in pratica si può incontrare un continuum tra l'informalità totale e la corretta organizzazione delle attività formali registrate e tassate.




Le caratteristiche di questa categoria 


Uno studio condotto da IEMS (Informal Economy Monitoring Study) ha rilevato che la maggior parte dei raccoglitori di rifiuti ha generalmente bassi livelli di istruzione formale. In molti posti il ??lavoro viene svolto principalmente da gruppi svantaggiati. Ad esempio, a Pune, in India, la raccolta dei rifiuti rimane limitata alle caste programmate. E in molte città i migranti con poche altre opzioni lavorative hanno intrapreso questo lavoro solo per poter sopravvivere.

La raccolta dei rifiuti è spesso un'impresa familiare. Offre orari di lavoro flessibili (particolarmente importanti per le donne) e un alto livello di adattabilità. Si impara facilmente e non richiede istruzione. E per molte delle persone più povere in tutto il mondo è una delle uniche opzioni di sostentamento. Tuttavia, i waste pickers sono spesso soggetti a stigmatizzazione sociale e si trovano ad affrontare condizioni di lavoro sfavorevoli.

Proprio per questo, i raccoglitori di rifiuti sono sempre più motivati a organizzarsi e a lottare per il riconoscimento, formando collettivi per sostenere la loro inclusione nella pianificazione municipale intorno alla gestione dei rifiuti solidi. In alcuni paesi, come il Brasile, la Colombia e l'India, i raccoglitori di rifiuti ora hanno il diritto di vendere o fare un'offerta per i contratti con il comune.

Inoltre, attraverso la Global Alliance of Waste Pickers, i rappresentanti dei raccoglitori di rifiuti hanno preso la scena mondiale alle conferenze internazionali sui cambiamenti climatici, per sottolineare la necessità di politiche globali che rispettino il loro lavoro e chiedere i fondi da investire in programmi di recupero delle risorse, piuttosto che sprecarli nelle tecnologie di smaltimento come gli inceneritori.

 

Prevalenza e dati demografici


Esistono pochi dati affidabili sul numero e sui dati demografici dei raccoglitori di rifiuti. La maggior parte della ricerca accademica a riguardo è qualitativa piuttosto che quantitativa. La raccolta sistematica di dati su larga scala è difficile a causa della natura informale della professione, delle frontiere porose, della forza lavoro stagionalmente fluttuante e dei cantieri mobili e molto dispersi. Inoltre, molti ricercatori sono riluttanti a produrre dati quantitativi per paura che possa essere usato per giustificare le repressioni sulla raccolta dei rifiuti da parte delle autorità. Pertanto, le stime su larga scala che esistono sono principalmente estrapolazioni basate su campioni di ricerca originali molto piccoli.

Nel 1988, la Banca Mondiale stimò che l'1-2% della popolazione mondiale sussistesse per raccolta di rifiuti. Uno studio del 2010 stima che ci siano 1,5 milioni di waste pickers solo in India. In Brasile, l’unica nazione che raccoglie e registra le statistiche ufficiali più solide sui raccoglitori di rifiuti, si calcola che quasi un quarto di milione dei suoi cittadini si impegnino in questa attività e sia responsabile degli alti tassi di riciclaggio: quasi il 92% di alluminio e l'80% di cartone sono stati riciclati nel 2008.

I redditi del raccoglitore di rifiuti variano notevolmente in base alla posizione, alla forma di lavoro e al genere. Alcuni waste pickers vivono in estrema povertà, ma molti altri guadagnano molto più del salario minimo che prenderebbero nel loro Paese. Recenti studi indicano che i raccoglitori di rifiuti a Belgrado, in Serbia, guadagnano circa 3 dollari al giorno, mentre quelli in Cambogia ne guadagnano uno. Le statistiche ufficiali in Brasile indicano che gli uomini guadagnano più delle donne, indipendentemente dall'età. Circa i due terzi dei raccoglitori di rifiuti in Sud America sono uomini, ma questa percentuale salta al 98% nei gruppi di raccoglitori di rifiuti ad alto reddito (quelli che guadagnano tra 3-4 volte il salario minimo). Nessuna donna è stata trovata nei gruppi a più alto reddito (quelli che guadagnano più di 10 volte il salario minimo).

 

Benefici e contributi ambientali dei waste pickers


Lo studio di monitoraggio dell'economia informale (IEMS), coordinato da WIEGO, ha coinvolto la ricerca su 763 raccoglitori di rifiuti in cinque città in Africa, Asia e America Latina. I risultati hanno dimostrato che i waste pickers offrono una serie di vantaggi economici non indifferenti.

1. La raccolta dei rifiuti fornisce un reddito cruciale per le persone e le famiglie. Per il 65% del campione, i guadagni derivanti dalla raccolta dei rifiuti sono stati la principale fonte di reddito delle famiglie. Solo circa un quarto aveva altre entrate.

2. I raccoglitori di rifiuti forniscono materiali riutilizzabili ad altre imprese. Più di tre quarti dei waste pickers nel campione IEMS vendono a imprese formali. Tra un quarto e una metà fornisce materiali alle imprese informali, ai privati e al pubblico in generale.

3. Altri traggono profitto dal lavoro dei raccoglitori di rifiuti. Molti waste pickers vendono agli acquirenti, che poi rivendono il materiale per un profitto. I raccoglitori di rifiuti pagano anche vettori privati ??e conducenti di trasporti.

4. Raccogliendo rifiuti dagli spazi pubblici, contribuiscono alla pulizia e aiutano ad abbellire la città. I waste pickers deviano una quantità significativa di materiali dal flusso di rifiuti. Uno studio del 2007 ha rilevato che hanno recuperato circa il 20% di tutto il materiale di scarto in tre delle sei città studiate. Lo studio ha rilevato che oltre 80.000 persone erano responsabili del riciclaggio di circa 3 milioni di tonnellate all'anno di rifiuti nelle sei città.

5. Il riciclaggio è uno dei modi più economici e veloci per ridurre le emissioni di gas serra. Il riciclaggio infatti riduce le emissioni 25 volte di più di quanto non faccia l'incenerimento (Tellus Institute 2008).

6. Il riutilizzo e il riciclo dei materiali riducono la quantità di materiali vergini necessari per la produzione, preservando le risorse naturali e l'energia, riducendo al tempo stesso l'inquinamento atmosferico e idrico.

7. In molti Paesi, i raccoglitori di rifiuti forniscono l'unica forma di raccolta di rifiuti solidi a costi ridotti o nulli per i comuni. Inoltre, la salute pubblica e i servizi igienico-sanitari migliorano quando i waste pickers rimuovono i rifiuti dalle aree urbane non servite dalla raccolta dei rifiuti urbani.

8. Le spese municipali sono ridotte attraverso la sovvenzione dei sistemi di gestione dei rifiuti solidi. Secondo la pubblicazione delle Nazioni Unite sulla gestione dei rifiuti solidi nel mondo, i waste pickers realizzano il 50-100 per cento della raccolta di rifiuti in corso nella maggior parte delle città dei paesi in via di sviluppo.

Riassumendo, possiamo stabilire che la raccolta dei rifiuti grazie ai waste pickers offre significativi vantaggi economici, ecologici e sociali in quattro macro aree: la creazione di posti di lavoro, la sanità pubblica, il risparmio municipale e la riduzione dell’inquinamento.




Non solo benefici, anche costi e pericoli


I raccoglitori di rifiuti non solo generano benefici sociali, ma anche potenziali costi. Questi includono:


Una categoria sempre più organizzata


Tradizionalmente, gli studiosi presumevano che i lavoratori informali come i raccoglitori di rifiuti non potessero organizzarsi collettivamente, a causa di barriere strutturali come la mancanza di protezione legale, cantieri ampiamente dispersi, confini porosi alla loro professione, una cultura dell'indipendenza e dell'individualismo, mancanza di esperienza istituzionale, o mancanza di soldi e tempo per costruire organizzazioni. Nondimeno, negli ultimi decenni i waste pickers in tutta l'America Latina, l'Asia e l'Africa hanno iniziato a organizzarsi collettivamente per conquistare un posto all'interno dei sistemi di riciclaggio formale.

I raccoglitori di rifiuti utilizzano molti formati organizzativi tra cui cooperative, associazioni, aziende, sindacati e microimprese. Nonostante le differenze di formato, la maggior parte di queste organizzazioni condivide tre obiettivi principali. Innanzitutto, mettendo in comune il capitale, creando microimprese e stringendo collaborazioni con imprese e governi, i waste pickers aumentano il loro potere di vendita. In secondo luogo, assicurando uniformi, attrezzature di sicurezza e permessi di lavoro, le cooperative aumentano la dignità e la sicurezza sul posto di lavoro. E terzo, chiedendo il riconoscimento e il risarcimento da parte dello stato per i loro contributi ambientali ed economici, le cooperative aumentano la forza politica dei membri. Queste tre funzioni - influenza politica, dignità e sicurezza sul posto di lavoro e maggiori guadagni - si rafforzano a vicenda, come le gambe di un treppiedi.

Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sui prossimi articoli.


Copyright ©, 2000 - 2018 by Leotron - Verona - Italy - Partita Iva: IT 02079170235 - REA VR-215439