Festival del riuso: l’evento del riuso a Mestre
sezione non definita


Ci sono 6 utenti on line!
Festival del riuso: l’evento del riuso a Mestre
Venerdì 08 Aprile 2016

Festival del riuso e barattoDomenica 17 aprile 2016, dalle 10.30 alle 18.00, nel bellissimo Parco Piraghetto a Mestre, arriva il Festival del Riuso, l’evento dedicato al riutilizzo promosso dall’associazione culturale Viva Piraghetto in collaborazione con i negozi Baby Bazar e Mercatopoli.

Il Festival del riuso e del baratto è un evento dedicato al riutilizzo che coinvolge i cittadini e gli operatori professionisti dell’usato coordinati da Baby Bazar e Mercatopoli, negozi dell’usato, con l’intento di promuovere e sostenere il riuso attraverso momenti di scambio educativi.

L’iniziativa, che si svolgerà il prossimo 17 aprile a Mestre, presso il Parco Piraghetto, con orario 10.30-18, nasce con lo scopo di sensibilizzare i cittadini sull’importanza sociale e ambientale del riutilizzo, dei consumi “intelligenti” contro gli sprechi, perché qualsiasi cosa non desiderata, ma utile e bella, merita un’altra chance. L’iniziativa si inserisce nella programmazione degli oltre 300 eventi del comune di Venezia per Le Città in Festa 2016.

“Una nuova edizione del Festival del Riuso - racconta Alessandro Giuliani - il format che abbiamo ideato ormai un paio di anni fa e che ha conquistato città e quartieri. Un’occasione per stare insieme ed educare, nell’ottica di staccarsi dal consumismo più sfrenato abbracciando un mondo dell’utilizzo invece che del consumo. Mercatopoli e Baby Bazar nascono per questo: dare una seconda possibilità a quegli articoli di cui ci serviamo per un determinato periodo e che hanno ancora ampie potenzialità.”

La giornata del 17 aprile sarà dedicata al riuso e con il Festival del riuso e del baratto, durante il quale i cittadini che porteranno i loro oggetti potranno ricevere dei gettoni da utilizzare come merce di scambio per portare a casa altre cose utili. Ogni oggetto portato, dopo la registrazione, sarà valutato in gettoni, da 1 a 7, e con questi sarà possibile avvicinarsi all’area di scambio per ottenere nuovi oggetti utili. La filosofia è quella che sostiene che ciò che oggi non serve a me, potrebbe piacere e essere utile a qualcun altro.

Come funziona? Ecco il Festival in 5 punti:

  1. Cerca a casa gli oggetti, in buono stato, che vuoi scambiare. Cose che non sono usate, ma che a qualcuno potrebbero piacere ed essere utili.
  2. Prendi ciò che hai scelto, massimo 12 pezzi, e portalo al Parco Piraghetto domenica 17 aprile dalle ore 10 alle 17 (orari di consegna della merce).
  3. Registrati al banco di accoglienza con i tuoi dati. Ricorda di portare un documento d’identità necessario per garantire la provenienza degli oggetti
  4. Fai valutare gli oggetti dagli operatori del riuso presenti e raccogli i gettoni corrispondenti al valore dei tuoi oggetti.
  5. Nell’area di scambio usa i gettoni guadagnati per prendere ciò che ti piace tra tutti gli oggetti esposti.

L’aspettativa è quella di ricevere e scambiare durante la giornata migliaia di oggetti, di vario tipo: oggettistica per la casa, piccoli elettrodomestici, attrezzature per il tempo libero e sportive, bigiotteria e accessori, libri, cd e dvd e un tanti giocattoli per i bambini. L’obiettivo è di rimettere in circolo e dare nuova vita a tutto quello che è finito nel dimenticatoio o in fondo a bauli e armadi, ma che ha ancora un valore perché è in buono stato, è interessante e curioso e può ancora risultare d’interesse per qualcuno.

In cambio ci si potrà portare a casa altrettanti oggetti di pari valore, rinnovando la propria casa e togliendosi lo sfizio di aver guadagnato qualcosa di “nuovo”. I beni non scambiati che resteranno a fine giornata saranno comunque donati ad associazioni no profit ed enti di beneficenza.

Le prime edizioni del Festival del Riuso e del Baratto, svoltesi a Milano e a Pisa, hanno avuto un importante successo e un’ampia adesione, con circa 1200 registrazioni totali, una media di una registrazione ogni due minuti in tre giornate. Sono stati scambiati circa 10.000 oggetti e in prevalenza sono stati portati capi di abbigliamento, bigiotteria e libri (rispettivamente per una percentuale del 45%, 20% e 20%) ma anche biciclette e accessori di abbigliamento (8%), oltre che giocattoli (6%). La qualità degli oggetti è stata valutata dagli operatori dell’usato coinvolti estremamente elevata, con un notevole ritorno per chi ha partecipato allo scambio. Pochissimi gli oggetti rimasti senza proprietario. Sempre di più le persone hanno capito l'importanza di ridurre gli sprechi e che gli oggetti sono complementi d'uso, non di vita.

Un successo per il mondo dell’usato e per tutti i cittadini, che l’associazione culturale Viva Piraghetto ha voluto promuovere e sostenere, per dar vita a una giornata di divertimento e scambio, all’insegna della sostenibilità ambientale.

“Il Festival, nell’edizione di Mestre, ha un valore ancor più importante, perché si rivolge anche ai bambini, primo vero motore del cambiamento di pensiero, anche rispetto all’usato, che dà l’opportunità di cambiare davvero il modo di pensare i consumi.“ afferma Lenia Messina, titolare di Baby Bazar Mestre e operatrice del riuso, che ha coordinato l’iniziativa in loco.

La scelta di “Organizzare un Festival del riuso e del Baratto” in collaborazione con i professionisti del settore dimostra un’attenzione da parte del team Viva Piraghetto, non solo verso i temi sociali e ambientali, ma rivolta anche alle realtà attive in città che investono nella green economy e hanno come obiettivo il benessere del territorio e uno sviluppo economico basato su principi di sostenibilità sociale e ambientale. Si ripropone quindi da parte dell’associazione culturale Viva Piraghetto l’applicazione del concetto di sussidiarietà circolare che vede coinvolte nelle attività la componente istituzionale, quella business e quella di volontariato.

Una giornata che avrà anche carattere educativo e divulgativo in cui i cittadini potranno avvicinarsi al mondo del secondhand e dell’usato attraverso un grande “swap party”, accompagnati dall’esperienza e dalla professionalità degli operatori del riuso di Venezia.

Sarà l’occasione di passare anche del tempo insieme, in uno dei parchi più noti di Mestre, per consentire di riappropriarsi di quelle aree cittadine che i veneziani e i mestrini hanno nel cuore ma che nel tempo hanno subito alterne vicissitudini. Lo scopo dell’associazione culturale Viva Piraghetto è di coinvolgere la cittadinanza nella riscoperta di questo luogo magico e grazie alla partecipazione della popolazione agli eventi promuovere la raccolta fondi per l’installazione di una giostra inclusiva per dare la possibilità a tutti i bambini di giocare insieme e vivere gli spazi comuni senza nessuna barriera. Riuso degli oggetti, quindi, ma anche degli spazi. Perché ci sono tantissime cose e tantissime aree che meritano una seconda vita.

Quante storie e quante avventure possono custodire gli oggetti di seconda mano? Scopriamolo insieme domenica 17 aprile 2016, dalle 10 (inizio ritiro articoli) alle 18.30 (fine degli scambi) presso il Parco Piraghetto. L’Associazione Culturale Viva Piraghetto con i punti vendita Mercatopoli e Baby Bazar aspettano i cittadini e invitano le famiglie a coinvolgere in primo luogo i bimbi, per far loro scoprire il valore delle cose e le possibilità correlate al riuso e si aspettano una affluenza al pari delle altre manifestazioni che il 20 marzo e il 3 aprile hanno animato il parco. Serve la partecipazione di tantissime persone per lanciare un forte segnale di volontà di veicolare idee e proporre interventi e soluzioni per migliorare la nostra città.

Per maggiori info è possibile visitare il sito ufficiale del Festival del Riuso, accedere al comunicato stampa, contattare Baby Bazar Mestre, anche attraverso la pagina Facebook del punto vendita, e contattare l’Associazione culturale Viva Piraghetto attraverso la pagina Facebook o il sito internet.

Il tuo nome:
Il tuo cognome:
La tua e-mail:
Acconsento al trattamento dati




Ultimi comunicati Stampa



Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!