Conosciamo lo staff di Leotron: Eleonora Tronci
Conosciamo lo staff di Leotron: Eleonora Tronci
Giulia GiarolaIl nostro Blog
Venerdì 25 Novembre 2016

Eleonora TronciChi sei, qual è il tuo ruolo in azienda e da quanto tempo sei parte dello staff? Mi chiamo Eleonora, sono consulente web esterno e lavoro per Leotron "ufficiosamente" da settembre 2012 e "ufficialmente" da gennaio 2013. Mi occupo in particolare dei contenuti Facebook (dedicati alle pagine Mercatopoli e Baby Bazar) lavorando in sinergia con il team marketing; sono inoltre community manager delle fanpage nazionali dei due franchising. 

Perché ti piace il mondo dell'usato? Già avevo girato in alcuni mercatini più che altro per curiosità, ma senza particolare ammirazione per questo mondo, anzi. Provavo un senso di smarrimento e caoticità: merce esposta con poca cura, spesso impolverata e personale non sempre disponibile. Dopo aver conosciuto Leotron, i suoi negozi e assimilato con il tempo i valori dell'azienda, invece, ho scoperto quella marcia in più che va oltre la solita concezione di "mercatino dell'usato", ed è mettere davvero il cliente al centro dell'attenzione assieme alla tutela dell'ambiente: una qualità mai vista nel settore dell'usato. Trovo che i punti vendita Mercatopoli e Baby Bazar siano curati e accoglienti, con personale preparato e disponibile e servizi extra utili e interessantissimi.

Secondo te qual è il punto forte di Mercatopoli e Baby Bazar? Il punto forte è l'essere un franchising. Il far parte di una squadra. Il sentirsi parte di un corpo, di un'azienda seria. E non lo dico perché lavoro per loro, lo dico proprio perché ho potuto constatare quanta passione tutti mettono nella propria attività; seppure con il rischio di sbagliare, non c'è la voglia di mollare! L'unione e il fare propri i valori aziendali, infine, non può che portare alla crescita di tutti coloro che fanno parte di questo grande gruppo e dare di conseguenza un appoggio valido al cliente finale.

Che consiglio daresti ai tuoi clienti? Non smettete di ascoltarvi gli uni gli altri. Perché dalle esperienze del prossimo c'è sempre da attingere, sempre da imparare, sempre da migliorare. Inoltre fa piacere essere ascoltati: quindi perché non metterci nei panni degli altri e far circolare quanta più empatia possibile? Grazie ad essa si cresce anche professionalmente! ;)

Il tuo negozio dell’usato preferito? Non ho avuto occasione di girare molti negozi, ma ho conosciuto da vicino Mercatopoli Cattolica. Spazio, luce, ordine e organizzazione la fanno da padrone: caratteristiche completamente anticonvenzionali per essere un mercatino qualsiasi! I negozi dell'usato Mercatopoli (così come i Baby Bazar) colpiscono per il loro stile, e sono sicura che visitandone altri rimarrei della stessa opinione.

eleonora tronci

Se dovessi dare un consiglio a qualcuno che non ha mai venduto usato, cosa gli diresti? Avendo bisogno di liberarsi di oggetti che non riescono più a trovare ragione d'uso in casa, è un'esperienza da provare. Con Mercatopoli e Baby Bazar si va sul sicuro: possiamo affidarci ad una marea di servizi che non si trovano facilmente (primo fra tutti la card e le operazioni online ad essa collegate), al personale di negozio e allo staff Leotron che assiste l'utente nel più breve tempo possibile... Insomma, il cliente non è mai lasciato solo e può fidarsi di servizi assolutamente trasparenti!

E se dovessi convincere un amico a scegliere di comprare da Mercatopoli o Baby Bazar? Gli ripeterei i vantaggi elencati nel punto precedente, e aggiungo anche che non sono riuscita a trovare brand così trasparenti e accoglienti verso i clienti.

Sbottoniamoci un po’... racconta qualcosa che non hai mai detto a un tuo collega: Si, devo proprio. Ringrazio di cuore Alessandro Giuliani, the boss. Mi trovò per caso online, nel lontano 2012, quando ero ancora solo una semplice web writer, e mi fece entrare nella famiglia Leotron. Ha creduto in me da allora, e gli sono grata: nonostante io sia sempre consapevole del mio potenziale, ho sempre avuto difficoltà a esprimerlo. Ecco, Alessandro mi ha teso la mano in questo, e ha nutrito (e continua a farlo) la mia autostima professionale, lasciandomi crescere ulteriormente con la sua azienda.

Il collega che stimi di più? Quello sincero e che non parla male dell'altro, specie in sua assenza. 

E il cliente che stimi di più? Per quel poco che li conosco, Yuri e Cristina di Mercatopoli Sinalunga sono due ragazzi pieni di energia e voglia di fare, e mi hanno subito colpito per l'approccio pratico e pieno di speranza alla vita professionale!

Qual è il tuo motto nella vita e nel lavoro? "Fai agli altri ciò che vuoi sia fatto a te", poiché sono una persona che tiene molto al rapporto umano sincero e solidale, anche sul lavoro.



Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!

Contenuti correlati